LA MODA CHE PARLA. A volte un po’ troppo.

Troppo spesso la stravaganza viene spacciata per originalità, ma tra un abbinamento ricercato e il cattivo gusto c’è una gran bella differenza. E’ vero che nella moda non ci sono regole e che ormai abbiamo abbattuto tutti i cliché, ma se vi accorgete che qualcuno vi sta fotografando di nascosto, non siate così sicuri che sia un blogger di moda, è molto più probabile che stia per inviare la vostra foto nel gruppo Whatsapp dei suoi amici per commentare il vostro outfit o, nella peggiore delle ipotesi, potreste ritrovarvi su qualche pagina imbarazzante di Facebook del tipo #genteinmetro, #l’outfitdelsapientino, #ODM o cose del genere.

Ecco alcuni consigli apparentemente molto difficili da ricordare quando la situazione vi sta sfuggendo di mano.Il tema di oggi: le abusatissime t-shirt con le scritte.

Ci sono brand che hanno fatto dei loro slogan ironici un vero e proprio manifesto, basti pensare alle t-shirt Happiness o a Moschino, altri che hanno voluto lanciare messaggi più impegnati, come Valentino che ci parla d’amore tra un ricamo e l’altro.

img-thing moschino-fall-2014-jeremy-scott1

Ma voi non siete Jeremy Scott, e se il vostro “Stasera faccio le brava” non interessa a nessuno -se non forse a vostra madre-dovete arrendervi.Nessuno cercherà il significato nascosto, il messaggio sarà interpretato in modo univoco, e non c’è bisogno che vi spieghi altro.

happ SCUSA-SELFIE

Stesso discorso vale per informazioni strettamente indispensabili e di ottimo gusto quali “Senza t-shirt sono anche meglio”, “Stasera ho il tavolo”, o “When life gives you lemon ask for salt and tequila”, quindi sappiate che se decidete di avvicinarvi ai fashionisti indossatori di magliette del genere potreste avere davanti un ninfomane, un montato, un alcolizzato, o più semplicemente un cretino che ha interpretato male il concetto di libertà di “stampa”.

happinesstshirtlidiashopping_3_7706 0016455_t_shirt_happiness_uomo_mhnd3_bianco_p_2014

Che la moda debba lanciare un messaggio si sa, che “dimmi come ti vesti e ti dirò chi sei”, pure, ma non sempre dovete dire proprio tutto nei minimi dettagli, ricordate che un velo di mistero non fa mai male.

Francesca Mongioì

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...