Balkis-quasi-senza-testa (o Come riparare il vostro rossetto decapitato )

A chi non è mai successo di trovare il rossetto preferito reciso a metà?
Se c’è qualcuna che può vantare un evento del genere shame on you campana, perché tutta la sfiga che è stata risparmiata a voi è chiaramente stata data in dotazione alla sottoscritta.

OVVIAMENTE quale potrà mai essere l’ innocente rossettino che la sorte ha voluto cercare di strappare dalle mie amorevoli cure, se non il preferito del momento, il primogenito, colui che si prospettava mio compagno nella stagione fredda? Sì, parlo di lui: il povero Balkis.

Sorvolando sul rantolo di disperazione che ho emesso quando mi sono accorta del disastro (che poi pure io che posso volere, a portarmelo costantemente dietro era inevitabile che accadesse), dopo appena quattro/cinque ore di lamentele ho deciso di rimediare alla situazione come meglio potevo e di informarmi sulle tecniche per sistemare il suddetto rossetto in fin di vita.

La prima modalità che ho scovato penso si adatti soltanto a chi non ha problemi ad applicare il rossetto in questione con un pennellino, che sia per abitudine o perché il prodotto non è proprio un must quotidiano e se anche quella volta che decidete di indossarlo ci passate qualche minuto in più non muore nessuno. In parole povere, si stacca definitivamente il rossetto, avendo cura di prelevare con una spatolina o un qualunque altro attrezzo sufficientemente sottile anche ciò che resta all’interno del pack, e lo si squaglia. Come? La maggioranza dei post che ho letto in merito lo ripongono in un cucchiaio – io vi consiglierei di usarne uno da tavola, a meno che il prodotto non sia proprio pocopoco – scaldandolo poi con la fiamma di un accendino o di una candela fino a liquefarlo (attenzione a non scaldarlo troppo, ovviamente!). Una volta sciolto basta travasarlo in un qualunque contenitore, lasciandolo raffreddare per qualche ora.

Il secondo metodo è quello che maggiormente si adatta alle mie necessità: applicare un rossetto con le dita è improponibile, a mio parere, ma allo stesso tempo Balkis è talmente versatile da rendermi impossibile non desiderare di usarlo nel 95% delle occasioni in cui metto il naso fuori di casa. E che fai, ti porti costantemente dietro il pennellino labbra, dileguandoti per 3 ore per andarlo a riapplicare? Non se ne parla proprio.

BUGIA.

Quindi, armatevi di buona pazienza e di tranquillità e cominciate l’opera di sutura.

In primo luogo, anche in questa modalità è necessario decapitare definitivamente il povero rossetto: un colpo netto e tac! Balkis ha perso la testa. Sentendovi in colpa come una madre che abbia fatto fuori il proprio figlio preferito, tornate a rivolgervi alla fida candela, fata madrina di noi ciompette: scaldate con cautela la base del rossetto, non tanto da scioglierlo del tutto e bruciare anche la plastica/metallo del packaging ma a sufficienza perché il prodotto cominci a liquefarsi, rendendo così possibile l’opera di riattaccamento (eh?). Quindi riaccostate rapidamente le estremità separate, facendo leggermente pressione perché si uniscano. Il consiglio è di lavorare

Processed with Moldiv

indossando dei guanti per evitare di impastrocchiare tutto ciò che c’è nelle vicinanze, e magari premunirsi di tovagliolo/ scottexbenedetto/ qualsiasi cosa risparmi la superficie su cui state lavorando dall’uscire fuori maculata. Una volta soddisfatte della presa messa in atto fra moncherini potete passare un’ultima volta il tutto sulla fiamma, richiudere e riporre in frigorifero per qualche ora. Io l’ho lasciato una giornata, visto che non si sa mai (non perchè mi ero dimenticata di toglierlo, nono).

Metto le mani avanti: ho dovuto provare questa tecnica 3-4 volte prima di riuscire nell’intento, ma alla lunga l’ho spuntata io, nonostante la manualità da alpaca ubriaco. Abbiate fede e tentate!

Annunci

Un pensiero su “Balkis-quasi-senza-testa (o Come riparare il vostro rossetto decapitato )

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...