Oscar 2016: i favoriti e cosa vedere questo inverno al cinema

Quanto suona bene la parola “Oscar”?

Per i cinefili come me, è l’unione di suoni più armoniosa che possa esistere, le diamo un valore unico, un’importanza che va oltre qualsiasi critica: O s c a r.

Eppure, come in tutte le cose belle, da qualche parte ci deve pur essere la fregatura. Nel nostro caso, la fregatura si chiama “Academy”, quel maledettissimo consiglio di critici e chi sa cos’altro che annualmente si riunisce e stabilisce chi sia degno di portarsi a casa La Statuetta e chi no. Quel maledettissimo consiglio che da vent’anni fa patire le pene dell’inferno al nostro adorato Leo e che non premia (e mai premierà) un regista del calibro di Scorsese solo per antipatia reciproca. Quello stramaledettissimo consiglio che puntualmente premia pellicole solo per i temi affrontati, senza considerare le competenze tecniche e le performance degli attori (cfr. 12 anni schiavo) Nonostante questo, ogni anno, noi appassionati stiliamo un totoOscar e iniziamo con le scommesse, in attesa della notte dorata.

Ora vediamo quali sono i favoriti e i film che sono assolutamente da NON perdere al cinema, questo inverno.

1. BLACK MASS di Scott Cooper

Biopic, nonché gangster movie, che potrebbe ricondurre Johnny Depp nell’Olimpo cinematografico. Condotto molto bene, intrigante, e Johnny sa come tenere la scena. Racconta la storia di James “Whitey” Bulger, criminale di origini irlandesi e fratello di un senatore (Benedict Cumberbatch).

black mass

2. TRUMBO di Joy Roach

Trumbo è un biopic. Ci narra la storia di Dalton Trumbo (interpretato dal grande Brian Craston, Breaking Bad), regista, scrittore e sceneggiatore americano, vissuto negli anni ’40 e ’50 e allontanato dal Sindacato degli Scrittori per via delle accuse politiche che gli erano state fatte. Ma Trumbo era realmente comunista?

trumbo

3. THE HATEFUL EIGHT di Quentin Tarantino

Ottavo film di Quentin Tarantino, The Hateful Eight è un western ambientato in Wyoming, quindi per ambientazione ricorda molto Django Unchained, ma riprende anche Le Iene, dato che sono presenti solo otto personaggi che interagiscono fra loro in uno spazio relativamente ristretto. Ovviamente la precisione nelle citazioni velate e la cura del dettaglio sono il marchio che lo distingueranno, così come tutti gli altri film di Quentin.

hateful eight

4. SPOTLIGHT di Thomas McCarthy

Con Michael Keaton, Mark Ruffalo e Rachel McAdams, narra la storia di un’inchiesta giornalistica molto delicata: le accuse di pedofilia contro l’arcivescovo  Bernard Francis Law. È una storia vera e questa inchiesta valse al quotidiano (The Boston Globe) il premio Pulitzer di pubblico servizio.

spotlight

5. THE REVENANT di Alejandro Gonzáles Iñárritu

Dopo il successo dello scorso anno con Birdman, questa volta Iñárritu ci riprova e inserisce nella sua cavalleria niente poco di meno che Leonardo di Caprio e Tom Hardy. Leo, che interpreta il cacciatore Hugh Glass, è già stato dato come favorito per l’Oscar al Miglior Attore Protagonista. Che sia questa la volta buona? #LeonardoDaiVinci!

the revenant

6. SUFFRAGETTE di Sarah Gravon

Premettendo che non impazzisco per i film sul femminismo, sono in dovere di ricredermi per questo film: Meryl Streep, Helena Bonham Carter e Cary Mulligan gestiscono la scena in maniera eccellente, in questo film ambientato nell’Inghilterra d’inizio Novecento, quando le attiviste e il movimento suffragista femminile erano al centro dell’attenzione.

suffraggette

7. JOY di David O. Russell

Squadra vincente non si cambia. Jennifer Lawrence, Bradley Cooper e Robert De Niro, triade de “Il Lato Positivo”, di nuovo insieme per questo film, la terza collaborazione con David O. Russell. Il film ci narra la storia di Joy Mangano, inventrice della Miracle Mop, la scopa per pulire i pavimenti. Noioso? Vi consiglio vivamente di vedere il trailer.

joy

Un’idea già ce l’aveva data in American Hustle

8. STEVE JOBS di Danny Boyle

Il magico e super affascinante Michael Fassbender veste il ruolo di Steve Jobs in questo biopic che sembra veramente unico nel suo genere. Alla regia era stato chiamato Fincher, ma dopo il suo rifiuto è intervenuto Boyle – di cui  non ci si può certamente lamentare -. Sarà diviso in tre atti, per volere di Sorkin, lo sceneggiatore.

steve jobs

9. BRIDGE OF SPIES di Steven Spielberg

Già il nome di Steven Spielberg è una certezza, in più nel cast troviamo un attore del calibro di Tom Hanks e il thriller/spy movie diventa un cult. Tom Hanks, avvocato americano reclutato dalla CIA, deve difendere una spia sovietica per gestire lo scambio con un pilota americano, catturato dai russi ai tempi della Guerra Fredda.

bridge of spies

10. SILENCE di Martin Scorsese

Scorsese è un toro scatenato: non gli importa dell’impressione che l’Accademy ha di lui, riparte in quarta, ed eccolo qua, con l’ennesimo film appassionante e carico di adrenalina, stavolta con a capo Liam Neeson. Film storico, tratto dal romanzo di Shūsaku Endo, tratta i difficili rapporti tra cristianesimo e cultura nipponica nel 1500.

silence

11. THE MARTIAN di Ridley Scott

E niente, il ritorno di Ridley Scott e a me viene già da piangere. The Martian è un film fantascientifico che vede come protagonisti il super gnocco Matt Damon e la nuova stella Jessica Chastain. Effetti speciali mozzafiato e sceneggiatura corposa. D’altronde è pur sempre Ridley Scott.

the martina

12. CAROL di Todd Haynes

Cate Blanchett e Rooney Mara come coppia omosessuale in questo intenso drama. La prima, molto più grande e in crisi col marito, la seconda, giovane commessa di un supermercato. Ambientazione: New York degli anni ’50.

carol

13. THE DANISH GIRL di Tom Hooper e Lasse Hallstrom

Ha già fatto parlare di sé al  Festival di Venezia, ma sono sicura che arriverà tranquillamente anche agli Oscar. The Danish Girl racconta la storia vera del primo transessuale, Einar Wegener, interpretato da Eddie Redmayne, semplicemente irriconoscibile nella sua trasformazione fisica. Oscar?!

the danish girl

14. SOUTHPAW di Antoine Fuqua

Un Jake Gyllenhaal da Oscar, un’interpretazione passionale, una storia drammatica. Billy Hope è un pugile che si ritrova a dover affrontare delle problematiche inaspettate, dopo che la sua vita è stata sconvolta dalla morte della moglie. Nel cast anche Rachel McAdams e 50cent. La portata principale della colonna sonora è Phenomenal di Eminem. Niente, insomma.

southpaw

15. BEASTS OF NO NATION di Cary Fukunaga

Film prodotto da Netflix, interpretato da Idris Elba, ambientato in Africa e narrante la battaglia per la difesa dei bambini soldato, ed è già – ovviamente – tra i favoriti dell’Accademy. Solito buonismo o veri meriti?

beasts of no nation

16. LEGEND di Brian Helgeland

Il film racconta l’ascesa e la caduta dei gemelli Kray, criminali della Londra anni ’50 e ’60. Doppio ruolo per Tom Hardy, che ovviamente attira l’attenzione della critica e soprattutto dell’Accademy, che per queste scelte, come anche la trasformazione fisica, si emoziona come un bambino di fronte allo zucchero filato.

legend

17. INSIDE OUT di Peter Docter e Ronnie del Carmen

Strabiliante capolavoro firmato Disney Pixar, il migliore film d’animazione degli ultimi dieci anni. Vestito da film d’animazione per bambini, Inside Out è un vero e proprio film d’analisi psicologica, che ci porta nella testa di una bambina, nella quale le cinque emozioni principali (Gioia, Tristezza, Rabbia, Paura e Disgusto) gestiscono la sua vita emozionale.

Disney•Pixar's

18. BURNT di John Wells

Bradley Cooper è Adam Jones, uno chef fallito che cerca di rimettersi in gioco. Nel cast anche Uma Thurman e Sienna Miller. La sceneggiatura è di Steven Knight, autore e regista di “Locke”.

burnt

19. BY THE SEA di Angelina Jolie

Scritto, diretto e prodotto da Angelina Jolie, che recita accanto al marito Brad Pitt. Il film è un drama che ci inserisce nella storia matrimoniale di uno scrittore americano, trasferitosi con la moglie in una località balneare francese negli anni 70. Proprio in questo frangente dovranno confrontarsi con questioni irrisolte.

by the sea

20. FREEHELD di Peter Sollett

Il film ci propone la storia vera di Laurel Hester (Julianne Moore), agente di polizia del New Jersey che scopre di essere malata di cancro, allo stadio terminale. Da qui, la battaglia legale per estendere i suoi benefit pensionistici alla compagna Stacie Andree (Ellen Page). Presentato al Toronto Film Festival, ha ricevuto ottime critiche.

freeheld

Per oggi è tutto

Claudia Castaldo

Annunci

2 pensieri su “Oscar 2016: i favoriti e cosa vedere questo inverno al cinema

  1. AleRandy ha detto:

    Jake è bravo, ma l’oscar lo meritava più l’anno scorso con lo sciacallo. Anche perché, detto sinceramente Southpaw è un film mediocre di bassa caratura. Deep la Nomination se la può beccare ma il film no. Ti dico già che l’oscar per la migliore attrice se la giocano tra Jennifer e Cate. Per migliore attore se lo prende Leo quest’anno non c’è nessuno che può competere con lui (anche se ho paura che lo regaleranno a Tom Hanks). Per migliore attore non protagonista se lo porto a casa Benicio del toro. Hai dimenticato sicario è uno dei favoriti, visto che anche la Blunt si beccherà la nomination.

    Mi piace

    • claudie ha detto:

      Per la nomination di Southpaw infatti mi riferivo a quella di miglior attore protagonista, nonostante sia più che convinta che oltre a Leo se la giochino anche Hardy e Redmayne. Miglior attrice la penso come te. Per quanto riguarda Benicio del Toro, non sono molto convinta…staremo a vedere, anche perché, come ho già scritto, sono tutte scommesse e supposizioni! grazie per il commento

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...