Letture leggere, rilassarsi leggendo.

È lunedì. E già dopo le prime due parole, questo articolo è diventato noioso. Me ne rendo conto, ci sono parole che stimolano la narcolessia, ma, per favore, seguite il filo e non chiudete il link. Insomma, è lunedì. Tardo pomeriggio, piove, i capelli gonfi, il trucco sfatto, fame da lupi ma niente biscotti, altrimenti la palestra che la fate a fare? Rientrate a casa stanche morte, dopo la classica giornata di merda tra scuola, università, lavoro, la fila alle poste, le cavallette e le commissioni di vostra madre. A questo punto, dopo aver chiuso la porta, via le scarpe, in una mano la salviettina struccante, nell’altra i biscotti -al diavolo, alla faccia di Gisele e del suo disgustoso minestrone-, divano e tv spazzatura per rilassarsi.

gisele e minestrone

Giusto?

Giusto, anche io faccio parte della categoria “meglio mezza puntata di Chirurgia Estrema, tanto il libro -quello laggiù che mi fissa pesantemente, dato che sono ancora a pagina 63 dopo due settimane dall’averlo iniziato- non ce la faccio proprio a sfogliarlo stasera”. Ovviamente il nome tra le virgolette va letto tutto d’un fiato, anche perché una categoria che merita un nome così sviluppato deve essere una categoria importante e molto ampia.  Proprio per questo e proprio perché ne faccio parte anche io, vorrei parlarvi di una soluzione alternativa a quel degrado sociale de Il Contadino Cerca Moglie o dell’ennesima replica di Criminal Minds: chiamasi letture leggere. Non voglio star qui a scrivere d’aver scoperto l’acqua calda, mi spiego: letture leggere alternative a Vogue o all’ultimo libro di Sophie Kinsella (anche perché abbiamo capito che da I love shopping a I love shopping in bianco, fino ad arrivare a  I love shopping per il baby, prima o poi pubblicherà anche I love shopping per l’ospizio, ma vabbé, viva la creatività). Ciò che vi propongo qui, oggi, è di rivalutare, per chi non ci avesse mai pensato, i fumetti e i manga. Attenzione: non sto parlando di iniziare a leggere One Piece o Naruto. Ci sono fumetti e fumetti. Alcuni ne hanno solo la veste, perché i loro contenuti a volte sono più profondi e intensi di molti film e di molti libri. E quelli che vi consiglio io, sono questi:

DYLAN DOG

Avete bisogno di rilassarvi una mezzora? Siete sull’autobus e avete scaricato il telefono a forza di giocare a Subway Surfer? Oppure se semplicemente avete bisogno di una lettura da divano, vi consiglio il mio fumetto preferito, Dylan Dog. Sottovalutato dall’85% del mondo femminile, DD è nella top5 del fumetto italiano e viene letto anche all’estero. È semplice: c’è chi segue la storia dall’inizio, come me, e chi compra qualche albo (100 pagine) solo per vedere come se la cava Dylan, tra un caso e l’altro. Sì, perché Dylan è un indagatore speciale: lui indaga l’incubo. Ex poliziotto di Scotland Yard, dimessosi a causa dell’alcolismo, ora è un astemio e antitecnologico investigatore, che vive a Craven Road, nella Londra dei giorni nostri, col suo strambo assistente Groucho, comico fallito e immancabile spalla del nostro ragazzo. Dylan è anche un innamorato incallito, puntualmente lasciato dopo la prima notte dalla ragazza di turno…

-gli albi si trovano in edicola e nelle fumetterie-

dylan3

dylan2

NANA

Penso sia il manga più bello che abbia mai letto in tutta la mia vita. Racconta la storia di due ragazze, agli antipodi, che casualmente si incontrano su un treno per Tokyo. Una si trasferisce per amore, l’altra per inseguire il suo sogno, diventare una rock star con il suo gruppo, i Black Stones. Dopo l’incontro sul treno si perdono di vista, ma si ritrovano qualche settimana dopo in un loft che entrambe volevano prendere in affitto. Si riconoscono, finalmente si presentano come si deve, ed esce fuori che portano lo stesso nome: Nana. Da qui la convivenza, l’amicizia, l’intreccio delle loro vite, tutte all’insegna di nana, ovvero del numero sette. Io mi ci sono rispecchiata molto, leggendo la loro storia riderete e vi commuoverete. Provate il primo albo, gli altri vi verrà spontaneo comprarli.

-è anche un anime-

nana2

nana e nana

CORTO MALTESE

Non so se potrò cedervi così facilmente il mio fidanzato n.2, però almeno ve lo propongo, sperando che le sue avventure e il suo estro affascinante e misterioso non diventino famosi tra di voi come il suo nome. Corto Maltese è un marinaio dal passato annebbiato e dal futuro sempre incerto, che vive con passione il presente, pieno di incontri e di avventure sognanti. È uno gnocco da paura, quindi potete immaginare le sue conquiste, ma nonostante questo rimane un gentiluomo dall’animo cavalleresco. È un filosofo, o almeno Hugo Pratt lo rende tale, con le sue citazioni brillanti, che ci fanno riflettere sulla vita, sull’amore e sulla solitudine. Ogni albo contiene poco più di 60 pagine, si trova anche da Feltrinelli. Correte.

corto4

DEATH NOTE

Per le amanti dei thriller psicologici e dei polizieschi, questo fa al caso vostro. Light Yagami, un giovane studente dalle doti geniali, trova per caso un quaderno dalla copertina nera, con una scritta bianca nel centro: Death Note. Leggendo le prime pagine, scoprirà che quello non è un semplice quaderno: è un dono del cielo, in particolare degli shinigami che lo abitano, che gli permetterà di fare giustizia, scrivendo su di esso i nomi delle persone che vuole uccidere. Ma prima o poi, ovviamente, verrà scoperto… E lo scontro con L., numero uno nelle autorità mondiali, non sarà semplice. Ogni albo/puntata (è anche un anime) è da togliere il respiro.

death note light

death note apple

ZEROCALCARE

Zerocalcare è la contemporaneità. Michele Rech, infatti, attraverso il suo personaggio e l’armadillo che lo accompagna, descrive la vita di tutti, i problemi di tutti e la quotidianità del singolo, facendoci ridere molto, tra l’altro. È la filosofia dell’uomo rassegnato, il pensiero dell’uomo comune, e l’originalità del luogo comune. Ci fa sentire alternativi, noi e le nostre strane situazioni di tutti i giorni, perché le scompone, le esamina e le mitizza, facendoci capire che alla fine non abbiamo bisogno di atti gloriosi e scelte estreme per risultare degli ‘eroi’ agli occhi degli altri. Basta solo ammettere di essere umani. Di sbagliare. E di riderci sopra.

zerocalcare3

zerocalcare1

PARADISE KISS

Manga poco impegnativo, Paradise Kiss, ma anche poco comune: va ordinato online oppure ricercato in grandi fumetterie, dato che è conosciuto solo dai più esperti. Poco impegnativo non per via del contenuto, ma perché sono solo 12 albi. Yukari, detta Caroline, è una studentessa modello di uno dei licei più in vista di Tokyo. Un giorno, mentre passeggia per strada, viene fermata da Shoji, un musicista punk che studia moda allo Yaza. Lui le chiederà di fare da modella per il progetto del suo gruppo, il marchio Paradise Kiss. Inizialmente Yukari è contraria, ma dopo aver conosciuto George, cambierà decisamente idea. Anche questo manga ha il rispettivo anime.

parakiss

parakiss2

ORFANI

Da un’idea di Roberto Recchioni (attuale curatore di Dylan Dog), Orfani è un fumetto che va oltre qualsiasi aspettativa. Primo fumetto a colori della Sergio Bonelli Editore, tra le altre cose. Siamo in un mondo post apocalittico, distrutto da un devastante raggio energetico, il governo militare mette in salvo centinaia di bambini, provenienti da tutto il mondo. Li addestra, li divide in squadre, li mette a confronto con missioni durissime, durante le quali molti di loro perdono la vita. La squadra migliore, alla fine, risulta essere quella composta da cinque ragazzi, gli Orfani, che nella storia cresceranno e matureranno insieme: Jonas, il leader, nome in codice “Boy-scout”; Juno, l’allieva perfettamente addestrata e che cerca vendetta, “Angelo”; Raoul, il silenzioso osservatore che lavora da solo, “Eremita”; Sam, la più piccola ma la più letale, “Mocciosa”; e infine Ringo, il ribelle, il fuoriclasse, il “Pistolero”. Consiglio vivamente questo fumetto, sono due stagioni complete (ognuna di 12 albi) più la terza in uscita.

orfani2

orfani

Fatemi sapere se vi ho convinte! Enjoy

Claudia Castaldo

Claudia Castaldo

Claudie Castaldo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...