Analisi del 2015

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2015 per questo blog.

Ecco un estratto:

La sala concerti del teatro dell’opera di Sydney contiene 2.700 spettatori. Questo blog è stato visitato circa 19.000 volte in 2015. Se fosse un concerto al teatro dell’opera di Sydney, servirebbero circa 7 spettacoli con tutto esaurito per permettere a così tante persone di vederlo.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

Rossetto rosso: le tonalità must e gli errori da evitare

Capodanno si avvicina,per cui condividiamo questo articolo sul protagonista asooluto del Capodanno, quello che riciccia fuori per le feste come il pandoro Bauli,l’unico sempre elegante e mai banale: ROSSETTO ROSSO. La parola a @The Trendy Diary

The Trendy Diary

Capodanno si avvicina e , come tradizione vuole, occorre indossare qualcosa di rosso.

Ma chi ha detto che questo sia riconducibile solo ad outfit o lingerie?

Io vi propongo di giocare con uno dei grandi must di stagione ovvero il rossetto rosso. Di nuance differenti o tra i finish più vari ed originali, sicuramente se vogliamo lasciare il segno l’ultima notte dell’anno non possiamo rinunciare ad uno dei prodotti make-up che più ci rende sexy!

Ma quali sono gli errori da evitare?

Per prima cosa scegliamo la tonalità di rosso che più si accosta al nostro incarnato, quindi se siamo troppo pallide evitiamo tonalità rouge-noir o colori aranciati, che invece donano molto a pelli più scure.

Affinché il nostro rossetto possa durare il più a lungo possibile, consiglio di usare una matitalabbra della stessa tonalità ed evitare effetti anni 90 con bordo labbra più scuro…

View original post 80 altre parole

Un’alternativa al cliché: città europee da visitare, subito.

“Finiti gli esami, viaggetto?”

Se siete amanti dei viaggi, se aspettate con ansia le due ore da trascorrere in aeroporto in attesa del volo, se avete il check in nel sangue e il jet lag come amico, o se semplicemente avete voglia di staccare per un po’ dalla routine e vi siete stancate di sentirvi riproporre le solite classiche mete, ecco qui una possibile soluzione.

Vi propongo una lista di alcune città europee, alcune conosciute, altre un po’ meno, che a prima vista verrebbero subito scartate, come se non potessero offrirci nulla di interessante.

#1 SINTRA, Portogallo1 SINTRA

Paesino situato nel distretto di Lisbona, nella regione storica dell’Estremadura, Sintra è un luogo incantevole, immerso nel verde e nelle alture. Nella lista dei patrimoni dell’umanità dal 1995, era apprezzato già nell’800 da vari artisti che ne facevano meta costante, come Hans Christian Andersen e Lord Byron. Il maggior luogo d’interesse è il Palàcio Nacional da Pena, una delle 7 meraviglie del Portogallo, arabeggiante ma ricco di dettagli barocchi e gotici, che si impone nel paesaggio circostante con maestosità e fierezza.

#2 BRUGES, Belgio2 BRUGES .jpg

Bruges non è solo il capoluogo delle Fiandre Occidentali, ma anche una delle città più squisite del Belgio grazie alla sua storia e alla sua delicatezza che la rendono un vero e proprio bijoux. Particolarità: è circondata da canali, la sua architettura medievale è ancora intatta e domina lo skyline, ha un mercato bellissimo, si mangia bene e anch’essa è patrimonio dell’umanità.

#3 DRESDA, Germania3 DRESDA .jpg

Centro d’arte di rilevanza internazionale, Dresda è una città dai mille musei, teatri e monumenti. Suggestiva e piena di vita anche grazie ai ritrovi universitari, offre al turista curioso ed esigente tutto quello che può immaginare. Nonostante i bombardamenti del 1945, è stata completamente ricostruita e il suo stile barocco è fortunatamente rimasto intatto. Una delle principali attrazioni è la Gemaldegalerie Alte Meister (Pinacoteca dei Maestri Antichi), uno dei più importanti musei d’Europa.

#4 HIGHLANDS, Scozia55163435-2a98-4243-92df-586b18e4e005.jpg

Le Highlands sono la regione montuosa della Scozia, una delle regioni più belle e mozzafiato di tutta Europa. Se vi piace girare in macchina o in treno, questa è la meta perfetta: paesaggi incontrastati, completamente verdi, cieli tersi, laghi leggendari (cfr Lochness), antichi castelli. Le storie e i miti riguardanti queste terre sono numerosi e ammirare dei paesaggi del genere con in mano un interessante guida alla cultura gaelica e celtica sarebbe il massimo. Alcune mete consigliate: Eilean Donan, Glencoe, Duncansby Head.

#5 MENTONE, Franciadcd1aab1-4687-4790-ab6a-23674ec10a20.jpg

Mentone è un paese di appena 30.000 abitanti, situato tra le regioni delle Alpi e della Costa Azzurra. Cosa vedere? Potrei iniziare ad elencarvi i vari monumenti, la cattedrale, il cimitero… ma la cosa veramente assurda di questo posto sono i colori: i colori delle strade, dei palazzi, ma soprattutto i colori del meraviglioso ed unico mercato che caratterizza questa cittadina tra mare e montagna. A partire dai “puzzolentissimi” formaggi fino ad arrivare alla ricercata bigiotteria, il mercato di Mentone non vi potrà mai deludere. Qualcosa da non perdere.

#6 TRIESTE, Italia54d41786-09c1-4541-ad33-63cc32666f0b.jpg

La domanda sorge spontanea: tra tutte le meraviglie che abbiamo in Italia, perché proprio Trieste? Innanzitutto mi sembra piuttosto chiaro che ciò che accomuna queste mete da me scelte è l’acqua, e Trieste in questo è quasi imbattibile: il suo porto, infatti, è il più grande d’Italia e uno dei più importanti d’Europa, non solo per ampiezza ma anche per il sensazionale calibro emozionale, perché il porto di Trieste è bello. Sì, e insieme alla salsedine, dona all’aria triestina un senso di malinconia speciale, che nessuno che ci sia stato si è mai dimenticato. Lo conferma Joyce, che di Trieste afferma d’averci lasciato l’anima.

#7 ISLANDAd1dc8beb-3755-43d8-a832-a895dea95836.jpg

Se siete freddolosi, lasciate stare. Qui si resiste al freddo per un unico motivo: ammirare la magnificenza dei paesaggi islandesi, caratterizzati dalla potenza del vento fusa a quella dell’acqua, la cui unione crea scenari pazzeschi, come quello del Gullfoss o del Golden Circle. Cascate, pianure incontrastate, geyser e, ovviamente, l’aurora boreale. Cos’altro aggiungere?

#8 CESKY KRUMLOV, Repubblica Ceca

59c36344-9973-46cd-92c1-57b0e5bf0f41

Città conosciuta per l’architettura del centro storico e del castello, Cesky Krumlov è quel tipo di posto che va girato a piedi. A partire dalle stradine fino ad arrivare alle case, al castello e ai luoghi d’incontro, tutto è caratteristico. La meta principale è il castello, medievale in stile gotico-barocco, che offre una delle migliori viste sulla città (che forse dall’alto risulta ancora più bella). Di altrettanta importanza è il centro storico, patrimonio dell’umanità anch’esso, sul quale si affacciano deliziose case barocche, e nel quale potrete trovare dei piccoli ristoranti in cui gustare delle zuppe…

#9 BERGEN, Norvegiac9d91465-8343-476c-81c9-4950f8a36d99.jpg

La particolarità di Bergen è il fatto che sia delimitata completamente dai fiordi. Aggiungeteci l’insolita vivacità di colori dei suoi edifici, il mare piatto su cui si rispecchia, il freddo avvolgente ed ecco l’atmosfera che cerchiamo. In questo caso, “cosa vedere” non è la domanda giusta, infatti Bergen è una di quelle città che vanno gustate con gli occhi, vivendoci qualche giorno, approfittando dell’aria tagliente e dei paesaggi suggestivi, passeggiando non solo fra le sue strade ma anche fuori città, apprezzando in questo modo la bellezza dei fiordi norvegesi.

#10 ASTURIE, Spagna b1ad40b0-b0ac-4c98-a3a2-b65188296fe4.jpg

Il Principato delle Asturie è una comunità autonoma nel nord della Spagna, della cui esistenza noi viaggiatori spesso ci dimentichiamo, focalizzandoci solo sull’Andalusia e sulla Catalogna. Eppure, incredibile ma vero, anche il nord della Spagna ha il suo fascino. Prendendo ad esempio un ipotetico itinerario da LLanes a Oviedo, gli scenari, il cibo e la compagnia a cui andremmo incontro sarebbero ottimi. Vedremmo posti come Playa Torimbia, Playa de Gulpiyuri e, da non dimenticare, la bellezza incontaminata dell’oceano.

Con la speranza che almeno una delle mete da me proposte vi abbia incuriosito, vi auguro buona prenotazione, e che la Lonely Planet sia con voi!

Claudia Castaldo

Claudia Castaldo

 

Collezionemista: Nutcracker

Eccomi di ritorno con la nuova ed ultima collezione del mese di dicembre.Natale è ormai alle porte e mi sembrava corretto realizzare una collezione natalizia, quindi dopo un briefing sui possibili temi da trattare, sono giunta alla conclusione di voler realizzare una capsule collection sul tema ” Nutcracker “, Schiaccianoci.

A parte il fatto che adoro l’intera suite di Pëtr Il’ič Čajkovskij scoperta guardando “Fantasia”, grande classico della Disney degli anni ’40;

immaginatevi quindi una bambina di dieci anni ipnotizzata dai pesciolini che danzano sotto le note della Danza Araba.

Anche se devo ammettere che la scena dei Centauri in”Sinfonia n° 6 Pastorale”, vince a mani basse!

Ma torniamo a noi!

Come dicevo, tra tutti i temi pensati, quello dello Schiaccianoci è stato l’unico ad avermi dato più stimoli creativi, quindi senza dilungarmi troppo

vi lascio alla visione di questa mini collezione !

Continua a leggere

All I want for Christmas is un trucco che non cola

Di idee e tutorial di makeup natalizi è pieno il web, perciò nel proporvi il nostro abbiamo deciso di:

  • Fare un trucco effettivamente proponibile al concilio dei parenti riuniti.
  • Realizzare un trucco che resti lì dov’è così com’è.

La nostra modella ha una vaga somiglianza con Katherine Heigl, perciò ho deciso di prendere spunto dai suoi look:

E questo è quanto venuto fuori:

Il trucco in sé è molto semplice: base omogenea, rossetto rosa scuro ed eye liner, il punto forte è nella durata extra.

Base: il punto debole è senz’altro il fenomeno lucidità che DSC_0383inderogabilmente affligge la zona T, per evitare ciò è cosa buona e giusta utilizzare un primer potente (io ho usato Pore professional di Benefit) mischiato ad un fondotinta liquido adatto al tipo di pelle. Nulla vieta di applicarlo prima, in tal caso però bisogna fare attenzione a che sia uniformemente distribuito e ben applicato altrimenti potrebbe squamarsi durante la serata e nessuno vuole questo.

Continua a leggere

TBT: Faux bob

Un’ottima soluzione per il dubbio: taglio o non taglio?
Ogni ragazza con i capelli lunghi si è chiesta almeno una volta come sarebbe stato dare un taglio drastico alla propria chioma anche se poche temerarie alla fine passano all’azione optando per un taglio corto.
e828672b-317d-4aa5-ac39-325c224fe90b

Questo di Gigi Hadid era spettacolare

Questa pettinatura facile e di grande effetto e’ perfetta per togliersi finalmente l’amletico dubbio: “taglio o non taglio?”, o anche solo per divertimento.
Per prima cosa raccogliere i capelli dividendoli dalla la parte superiore che servirà dopo.

Continua a leggere

REVIEW: Lip maestro n.401 – Giorgio Armani beauty

Nome: Lip Maestro n. 401 – “Coral”

Marca: Giorgio Armani Beauty

Prezzo: intorno ai 30 eurogiorgio-armani-lip-maestro-401-0-22-oz

Quantità: 6,5 ml

Scadenza: intorno ai 24 mesi, CREDO (e dico credo perchè l’hanno scritto in formato formica, mannaggia a loro)

Descrizione: per recensire questo rossettino venerato da tutto il web ho dovuto trafugarlo ripetutamente dalla scorta segreta di mammà, rischiando urla, rimbrotti ed una buona dose di ciabattate. La sorte, tuttavia, mi ha doppiamente sorriso: il fatto che la signora madre non abbia cioccato i miei maldestri tentativi di fur…ehm, prestito porta una duplice  soddisfazione  visto che il suddetto prodotto, purtroppo, non sarebbe valso neppure una vaga occhiataccia di rimprovero, figuriamoci un urlo di genitrice VERAMENTE incazzosa.

Continua a leggere

DIY: Cozy headband

NB: Questo articolo è nato dalla collaborazione con Zai.net, la rivista madre che ci ha dato la possibilità di dare vita al progetto editoriale di Looksmart.Se vi va passate a dare un’occhiata alla loro versione multimediale la trovate su Apple e Android.

keep-calm-and-grazie-per-l-attenzione-13

Se una cosa è preceduta da “keep calm” devi farla, it is known

Le feste sono alle porte e la ricerca del regalo perfetto per le amiche (e al tempo stesso economico) è iniziata. Il dramma di conciliare tasche piangenti e belle figure porta l’arte dell’arrangiarsi all’extremis. Una proposta semplice ma d’effetto per sorprendere senza spendere.

DSC_0295.jpg

OCCORRENTE:

-Lana q.b
-Uncinetto (o ferri)
-Un bottone
-Ago da lana
-Pazienza
-Circonferenza approssimativa della testa della vostra amica (testa piccola/grande)

REALIZZAZIONE:

Per la realizzazione della fascia si può procedere seguendo diverse strategie. In primis dovete scegliere come volete creare la fascia, se all’uncinetto o a maglia. Dopodiché vi converrà scegliere la trama più adeguata al risultato che volete ottenere. In questo caso abbiamo scelto di realizzarla con l’uncinetto e fermarla al centro con un bottone. Se non siete pratiche di uncinetto il modello proposto è comunque molto semplice.

Headband-Small

La fascia in foto è realizzata con l’ausilio di due tipologie diverse di punto: punto basso e woven stitch.

1) Dovrete fare per prima cosa una catenella di circa sei punti. Dopo di che per le prossime nove file è necessario realizzare punto basso aumentando man mano le maglie facendo due punti bassi nell’ultimo punto.Alla fine di ogni riga fate un punto,eccetto la nona dove ne farete due.

Continua a leggere