Review Toleriane Teint Mineral

Ogni volta che provo un nuovo fondotinta mi piace confrontare i pro e i contro
personalmente riscontrati con quelli “pescati in rete”. Questa volta però è stato praticamente impossibile, perché digitando “Toleriane Teint Mineral” su Google ho trovato tanti post sulla vecchia versione del prodotto ma quasi nulla su quella nuova.

Così ho sentito il dovere morale di scrivere una review.

NOME: Toleriane Teint Mineraltoleriane-teint-mineral-nuovo-1.png

MARCA: La Roche-Posay

PREZZO: € 21,50

QUANTITÀ: 9,5 grammi

DESCRIZIONE:
Cos’è: Toleriane Teint Mineral è un fondotinta correttore compatto con pigmenti 100% minerali e SPF 25, disponibile in quattro colori.

Qualcosa è cambiato: Nel 2015 La Roche-Posay ha deciso di rinnovare il packaging e la formula del prodotto aggiungendo la perlite, un attivo anti lucidità molto efficace.

Continua a leggere

Le sopracciglia sono sorelle, non gemelle

NB: Questo articolo è nato dalla collaborazione con Zai.net, la rivista madre che ci ha dato la possibilità di dare vita al progetto editoriale di Looksmart.Se vi va passate a dare un’occhiata alla loro versione multimediale la trovate su Apple e Android.

keep-calm-and-grazie-per-l-attenzione-13

Se una cosa è preceduta da “keep calm” devi farla, it is known

Arriva un giorno nella vita di ogni teenager in cui il dramma sopracciglia diventa realtà tangibile, portando con sé insicurezze, scelte sbagliate e molte perplessità.

Da una parte ci sono i menefreghisti, che lasciano crescere le proprie bambine pelose libere come giovani hippie, curandosi solamente di non incappare nell’effetto Frida Kahlo. Dall’altro lato ci sono gli spinzettatori furiosi, nemici per eccellenza del pelo, che ogni mattina estirpano anche il più minuscolo dei bulbi con una precisione chirurgica e che, una volta diventati adulti, si troveranno di fronte alla consapevolezza che l’eccessiva tortura del pelo li ha ridotti con sopracciglia ad ala di gabbiano da città.

tumblr_nlvp6xVvsw1unc7o4o2_r1_1280

Nel mezzo ci sono ragazzi e ragazze che si rendono conto tutto ad un tratto che risulta necessario quantomeno interessarsi al problema.

Un consiglio che ha reso la vita di ogni ragazza più semplice è stato un mantra di una saggissima Youtuber: le sopracciglia non sono gemelle, sono sorelle. Mai e poi mai le vostre sopracciglia verranno perfettamente uguali e simmetriche, anche perché anche il resto del viso non è poi così simmetrico: c’è un’occhio leggermente più grande, un labbro leggermente più carnoso o perché no, un orecchio leggermente più sporgente. Quindi, perché non un sopracciglio più lungo/corto/arcuato/folto?

Ma si sa, i consigli non vengono sempre ascoltati e l’adolescente medio cade nell’abisso di internet circondato da stimoli, tutorial e teorie su come avere le sopracciglia on fleek.

È importantissimo in questi casi mantenere un contatto con la realtà. Eccovi perciò tre miti da sfatare prima che divoriate innumerevoli tutorial sull’argomento.

1. Il fai-da-te (NON) è sempre una buona idea

Memento audere semper non è il motto della ragazza saggia. Ricordate che è il viso ad essere protagonista della vostra personale guerra al pelo e che se doveste strappare troppo ritrovandovi senza metà sopracciglio lo noteranno e vedranno tutti, inutile mentire. Gli esperimenti lasciateli da parte anche perché far ricrescere le sopracciglia è un processo lungo e davvero antiestetico. Viceversa, non vi affidate alle mani della prima estetista che vi capita o dell’amica popolare, per una scelta così delicata: non siate ingenue.

images-1

2. (NON) A tutte sta bene il trend del momento

Continua a leggere

All I want for Christmas is un trucco che non cola

Di idee e tutorial di makeup natalizi è pieno il web, perciò nel proporvi il nostro abbiamo deciso di:

  • Fare un trucco effettivamente proponibile al concilio dei parenti riuniti.
  • Realizzare un trucco che resti lì dov’è così com’è.

La nostra modella ha una vaga somiglianza con Katherine Heigl, perciò ho deciso di prendere spunto dai suoi look:

E questo è quanto venuto fuori:

Il trucco in sé è molto semplice: base omogenea, rossetto rosa scuro ed eye liner, il punto forte è nella durata extra.

Base: il punto debole è senz’altro il fenomeno lucidità che DSC_0383inderogabilmente affligge la zona T, per evitare ciò è cosa buona e giusta utilizzare un primer potente (io ho usato Pore professional di Benefit) mischiato ad un fondotinta liquido adatto al tipo di pelle. Nulla vieta di applicarlo prima, in tal caso però bisogna fare attenzione a che sia uniformemente distribuito e ben applicato altrimenti potrebbe squamarsi durante la serata e nessuno vuole questo.

Continua a leggere

Terme ad Agnano per bellezze vulcaniche

Se siete tipetti vivaci, nel nostro giro di Spa termali in cui paga rigorosamente la mamma, non può mancare la zona vulcanica dei Campi Flegrei (dal greco flègo, che significa “brucio”, “ardo”), una vasta area situata a nord-ovest di Napoli, nota sin dall’antichità e davvero spettacolare.

Geologicamente è una grande caldera in stato di quiescenza (e speriamo resti tale…) con un diametro di 12–15 km nella parte principale, dove si trovano numerosi crateri e piccoli edifici vulcanici (almeno ventiquattro), alcuni dei quali presentano manifestazioni gassose effusive (area della Solfatara) o idrotermali.
Ed è qui che vogliamo portarvi, ad Agnano. In un contesto di spazio e di verde, avvolti  dal fascino del sito archeologico, lontani dallo stress della città, vicinissimi allo svincolo della Tangeziale di Napoli-Uscita di Agnano, (tranquilla mamma, c’è un parcheggio comodo all’interno del complesso) troviamo il  “Salus per Aquam” , il complesso termale che ha come filosofia l’acqua che  dona beneficio alla salute del corpo e della mente: un modo  per rilassarsi e ritrovare il proprio equilibrio psicofisico grazie alle preziose proprietà delle acque minerali provenienti dalle sorgenti vulcaniche.

Il cuore della SPA è rappresentato dalle saune a calore secco naturale denominate “Stufe di San Germano”, dal nome del vescovo di Capua che nel 1600 curò un’artrite associata ad una malattia della pelle. Unico esempio di saune a calore secco naturale in Italia, ma anche nel mondo, un fenomeno geofisico alimentato dai soffioni vulcanici della conca di Agnano.

campagna-pubblicitaria-terme-di-agnano3

Continua a leggere

Classy makeup: Natalie Portman docet

Alzi la mano chi (se esiste) non ha mai invidiato il trucco elegante ma semplice di Natalie Portman (o di Keira Knightley, ma lei mi sta antipatica, perciò dirò Natalie Portman).dettaglio-trucco-occhi-natalie-portman.jpg

Pioniera in materia di less is more, raramente la abbiamo vista discostarsi dal suo cavallo di battaglia: un trucco magnetico ma estremamente semplice. Il genere di make up che non fa dire “che bel trucco” ma “che bella ragazza!”
Insomma ci siamo capite: nulla a che vedere con i mascheroni da circo di alcune audaci celebrities.

yi1.jpgnicki-minaj.jpg

Tutto questo per dire che ho provato a ricreare lo stesso look sulla nostra modella, e questo è il risultato:

DSC_0452.jpg

Bellina, no?

Il punto chiave di questo look è definire senza scolpire i lineamenti, sottolineare lo sguardo senza appesantirlo.

Si tratta del classico esempio di trucco che va bene in qualsiasi occasione, elegante ma semplice, devo però avvertirvi: non dovete essere di fretta, la cura dei dettagli è tutto.

DSC_0218.jpg

Base: Continua a leggere

Terme a Roma e Stigliano: un giorno da Messalina

Tralasciando il fatto che le donne nell’antica Roma non conducevano una gran bella vita, nel nostro viaggio nel benessere per due (dove paga rigorosamente la mamma), non possono certo mancare le terme romane, a cui si ispirano le più famose Spa di oggi. Perciò, dopo aver ammirato i resti delle Terme di Caracalla o di Diocleziano (tanto per crearvi un alibi culturale) vi consigliamo di provare un paio di posti dove vi sentirete leggere, splendenti, purificate.

SPA AQUA HOTEL JUMEIRAH

Una premessa è d’obbligo. A Roma le Spa migliori si trovano negli Hotel. Perciò, indossando l’ aria da americana in vacanza che sogna la Dolce Vita, entriamo nell’Hotel Jumeirah in via Veneto, of course. La zona Spa ha una particolarità. La piscina contiene acqua salata che alleggerisce e sgonfia. Il tutto scavato nel marmo bianco.

Aqva-City-Spa-Roma

Non manca l’ idromassaggio, la musica e la cromoterapia; accanto trovate uno stupefacente hammam in marmi policromi, con una vasca realizzata da un unico blocco di marmo da cui fluisce acqua di sorgente. Prima di entrare nell’hammam  attraversiamo una doccia sensoriale a più colori; la zona benessere è completata dalla sauna realizzata in legno da fonti sostenibili, pervasa di profumi, calore e luci per agevolare l’eliminazione delle tossine e migliorare la respirazione. Tutto questo lusso estremo ha un costo adeguato: 70 Euro(incluso un light buffet),  ma in alcuni periodi dell’anno con 70 euro si entra in due.

Il loro sito: Jumeirah

TERME DI STIGLIANO

Se invece volete uscire dalla città, a circa 40 minuti d’auto verso Civitavecchia, trovate un paradiso: il parco di 20 ettari delle Terme di Stigliano dove aceri, querce centenarie, lecci, roveri, noccioli, tamerici e bambù giganti si alternano alla distesa di pini con ben cinque fonti termali da cui sgorga acqua di natura solfo-iodica ipertermale (da 36°C a 56°C).

terme-di-stigliano-piscina stigliano4_f4de8a80e01008

Plinio  narra nelle sue memorie che era severamente proibito alle legioni romane, di ritorno dall’Egitto, entrare in Roma se prima non fossero passate da Stigliano per purificarsi. Oggi il Percorso Romano (49 Euro a persona) include tepidarium (36°C), calidarium (42°C), frigidarium (doccia a cascata, anfora del ghiaccio), sauna finlandese (70°C), zona relax con cromoterapia, aromarium (36°C) con essenze e cascata sulla roccia, area tisaneria. Completano l’esperienza di relax la vasca termale che dal Portico di Venere si estende verso l’esterno e l’idromassaggio termale dalle proprietà drenanti e rilassanti. Se invece volete usufruire solo della piscina esterna (aperta da maggio a fine settembre) il costo è di 10 euro infrasettimanali; 15 euro sabato e festivi. Per entrare nella grotta sudatoria, antica e bellissima, si spendono 5 Euro. L’esperienza è assolutamente da evitare in coppia: lucide, sudate e aromatizzate allo zolfo lascereste un ricordo indelebile.

Il  loro sito: Terme di Stigliano

Blondie

Trucco d’effetto per ragazze dai colori chiari

Una delle modelle del nostro ultimo set fotografico ha degli splendidi colori nordici, perciò ho colto l’occasione per fare un trucco che metta in risalto la bellezza dei colori chiari (tutorial che per ovvi motivi non potevo fare su di me).

Questo è quanto venuto fuori:

DSC_0099

BASE: Le pelli chiare tendono ad essere soggette ad arrossamenti e screpolature, perciò la regola aurea è idratare e lenire con prodotti adeguati. Per quanto riguarda il make up è bene usare un correttore verde (sì, avete letto bene) prima del fondotinta, se il rossore è particolarmente evidente.

930271503_100000stickouvertvert_1 come-fare-un-correttore-verde-per-coprire-i-brufoli_e7b2b749432e9b262146606b0ecdb972

Dopo aver applicato il correttore lì dove serve, è bene applicare il fondotinta ed in seguito illuminante, questo per scongiurare l’effetto stanchezza.

Per il trucco su Ambra ho usato la penna da contouring di Sephora, con avarizia dal lato più scuro, e generosità per quanto riguarda l’illuminante.

matita contouringDSC_0108

Ho poi abbondato con il blush, usando un rosa chiaro molto bambolina ed un pennello a ventaglio.

estee lauder tender blush rose nuance

Estée Lauder Tender Blush Rose Nuance

pennello ventaglio

DSC_0122

OCCHI: applicata la base, ho dato tridimensionalità applicando un color nocciola/oro dove la palpebra mobile diventa fissa (il cosiddetto cut crease) e sfumandolo verso l’esterno.

DSC_0138

Ochhi chiari e lenti chiare forse è un abbinamento troppo drammatico per la vita reale però in foto viene bene, no?

Nel caso specifico ho usato Creme Brulée dalla Chocolate Bar, ma chiaramente colori equivalenti vanno ugualmente benissimo.

secondo in terza fila

secondo in terza fila

Nonostante sia convinzione comune che per far risaltare gli occhi chiari occorra usare ombretti dello stesso colore, questo non è vero: per lo scopo sono molto più efficaci i colori caldi sui toni del bronzo.

DSC_0129DSC_0123

SOPRACCIGLIA: Usando in famoso kit salvavita della Essence (segue foto), ho infoltito le sopracciglia, aumentandone il volume: un piccolo passaggio che conferisce magnetismo allo sguardo.

02 natural blonde (in realtà il marroncino è più chiaro di come sembra)

02 natural blonde (in realtà il marroncino è più chiaro di come sembra)

LABBRA: per Ambra ho scelto matita e rossetto rosa chiaro, ripassato con un filo di gloss. Nulla toglie, però che con un trucco tutto sommato leggero non si possa osare con un rossetto bold!

DSC_0095

Spero che il risultato sia stato di vostro gradimento, alla prossima!

Elisa Yoshitake

Modella: Ambra Agota
Fotografa: Gaia Ravazzi
Truccatrice: Elisa Yoshitake

Trick or Treat

Signore e signori, Halloween è alle porte. Lo so che non ve ne eravate accorte, ma è così. Arrivano i pipistrelli, le ragnatele finte, i dolcetti… e i costumi. Già, i costumi. Quegli outfit che ogni anno progetto di studiare a puntino con settimane di anticipo, trovando idee originali e divertenti, e che finisco sempre per arrangiare con un cappellaccio da strega o un paio di corna di plastica. Siccome sono profondamente buona e SO che fra voi ci sono tante ritardatarie come me, eccovi qua sotto alcuni dei tutorial a tema horror che mi hanno più colpito e che quest’anno riuscirò a replicare (continuo a ripetermelo per convincermene). Ce n’è per tutti i gusti, quindi sbizzarritevi e diventate, per una volta, le più brutte della festa!

Zombie Boy, by MrDanielMakeup

Che MrDanielMakeup fosse bravo si sapeva, ma qui ha messo ulteriormente in mostra le sue doti artistiche: per riprodurre questo make-up non serve nessun prodotto introvabile e costosissimo, ma sicuramente una buona dose di pazienza e manualità.

Gouged out eye, by Makeup Delight

Che ci faccio con con una calza, del colorante alimentare e della colla per ciglia finte? Ovvio, un costume terrifichevole!

Strega dei corvi, by MissCreamyCreamy

Questo trucco è una figata, punto. E non ci vuole una manualità particolarmente eccelsa, il che mi rende felice alla sola idea di realizzarlo.

White nun (AHS: Asylum), by Michelle Phan

Questo è davvero, davvero semplice, anche se sicuramente d’effetto: l’unico ostacolo che potreste incontrare è la spesa per comprare la base bianco gesso, ma per il resto è una passeggiata.

Septic zombie, by LaCindina

Per coloro che si sentono particolarmente audaci ecco qualcosa che richiede un po’ più di fatica, ma il cui effetto finale è orripilante a dire poco.

E ora andate e spaventate, mie prodi! Non avete più scuse. 😉

Flaminia Russo